TICKETS

Aggiungere delle note musicali alle parole di un poeta è sempre una scelta a dir poco difficile, con esiti anche discutibili, che talvolta sono quasi una profanazione della musica che è già presente nei versi. Partendo da questa consapevolezza gli di FLK scelgono di affrontare questa sfida perché i versi erano quelli dell’amico Federico Tavan, poeta dirompente, scomparso nel 2013 dopo una vita divisa fra visionarietà e costrizioni psichiatriche. Dalla sua visione del mondo, dalla sua limpidezza, profondità e innocenza, gli FLK hanno preso ispirazione per preservare, trattenere e custodire il suo ricordo in un lavoro, che è anche uno spettacolo teatrale. Poesia e follia sono temi centrali della produzione di Tavan, che ritornano nei suoi versi e nella sua vita come tratti distintivi, e la musica che gli FLK vi hanno accostato ha semplicemente cercato di assecondarli, dove la classica forma-canzone ha lasciato spazi inattesi all’improvvisazione, assecondando l’essenzialità della parola per dare creatività ad un suono squisitamente acustico. “Adieu Monsieur Federicò” è anche un disco registrato, missato e masterizzato da Stefano Amerio presso l’Artesuono Recording Studios di Cavalicco (UD).

Evento concluso.

Evento concluso.